Storia di un ex, Kakhaber Kaladze: dall'URSS con furore

Storia di un ex, Kakhaber Kaladze: dall’URSS con furore

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

L’estate del ’99 rappresenta per il mondo rossonero una sorta di crollo del muro di Berlino. Con dieci anni di ritardo rispetto alla Germania dell’Ovest, anche il Milan apre, infatti, le sue porte ai calciatori dell’ex Unione Sovietica, in specie provenienti dalla Dinamo Kiev.

L’esperimento Shevchenko ha funzionato, e il duo Galliani-Braida, a gennaio ’01, decide di acquistare, su segnalazione dello stesso ucraino, un jolly georgiano, cresciuto nel laboratorio di Lobanovs’kyj, che di nome fa Kakhaber Kaladze.

Il 23enne esordisce a San Siro contro la Reggina, in un incontro sofferto ma vinto dai rossoneri, e da quel giorno si afferma nell’undici titolare rossonero per ben 10 stagioni.

Al Milan, nelle 284 partite disputate, vince 8 titoli nazionali e continentali e segna 13 gol, tra i quali si ricorda, in particolare, quello decisivo nel derby di ritorno del 2006, vinto dai rossoneri 1-0.

Il georgiano chiude la carriera al Genoa, dove, in 2 stagioni, gioca 53 incontri e segna un gol.

Oggi Kaladze, dopo un’esperienza da Deputato del Parlamento Georgiano e Ministro dell’energia del paese, sta tentando la scalata a sindaco della capitale Tbilisi.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy