Non cambia il trend, il San Paolo resta un tabù per Montella