Punto tattico: Suso inventa, Bonucci torna leader. Calhanoglu oggetto misterioso

calhanoglu spaziomilan
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Sul Match    Il Milan rialza la testa, Montella salva la panchina e il suo futuro. A Reggio Emilia il ‘Diavolo’ s’impone per 2-0 contro il Sassuolo di Bucchi. I rossoneri sono scesi in campo nuovamente con il 3-4-2-1. Bonucci è tornato al centro della difesa, con Zapata e Romagnoli al suo fianco. Abate sulla corsia di destra, Borini su quella di sinistra. Montolivo e Kessié in mezzo, Suso e Calhanoglu dietro la punta Nikola Kalinic. Al Mapei, dopo la prima mezz’ora, si è visto un Milan sciolto e non più bloccato psicologicamente come nelle ultime uscite. Nonostante l’assenza di Biglia davanti alla difesa, il pallone girava con una certa fluidità e il centrocampo è stato più propositivo, non lasciando la manovra di gioco esclusivamente a Leonardo Bonucci. Ora bisogna ancora capire, però, quanti siano i meriti del Milan e quanti i demeriti del Sassuolo. La squadra di Bucchi ha solo 8 punti in classifica e, in casa, ha segnato un solo gol in tutto il campionato. Tra due settimane ci sarà il Napoli al San Paolo dove il ‘Diavolo’ dovrà dimostrare i miglioramenti che si sono visti ieri sera, sia sotto l’aspetto dell’atteggiamento, sia sotto l’aspetto della prestazione.

Analisi Tattica    Da un punto di vista tattico, ottima partita di Montolivo e Abate. Riccardo ha preso le chiavi della cabina di regia, ha dettato i tempi giocando diversi palloni in fase di costruzione, chiudendo gli spazi centrali in fase di non possesso e non tralasciando mai la posizione. Ignazio ha interpretato al meglio l’esterno di fascia. Diverse sovrapposizioni che costringevano un centrocampista avversario ad arretrare e permettevano a Suso di avere due opzioni di gioco. Bene anche in fase difensiva, il Sassuolo sulla fascia destra non si è reso mai pericolo. Abate sempre determinante poi sotto l’aspetto della grinta e della passione che mette in campo. E’ il giocatore che mancava a questo Milan. Suso come sempre decisivo. E’ un pericolo costante per le retroguardie avversarie, da destra è imprendibile e svaria dalla metà campo in su per giocare il maggior numero di palloni. Chi ancora resta indietro è Hakan Calhanoglu, anche ieri mai in partita. Non trova mai la posizione ideale, è troppo poco propositivo e si legge in faccia che non sta attraversando un bel periodo. Deve scrollarsi le pressioni e mostrare le sue qualità tecniche. Montella continua a schierarlo titolare, ma con il ritorno di Bonaventura qualcosa potrebbe cambiare. Leonardo Bonucci è tornato vero leader. Guida la difesa, compie diversi anticipi e realizza una chiusura provvidenziale su Missiroli. Sembra essere tornato, dopo le due giornate di squalifica, il difensore ammirato da tutti ai tempi della Juventus.