SALA STAMPA/ Montella: “Siamo stati intelligenti e forti. Che emozione vedere Kakà. Sulle due punte…”

Conferenza montella austria vienna
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Bella vittoria del Milan contro l’Austria Vienna nella penultima gara di Europa League. Tre punti importanti per il morale e per il primo posto nel girone. Queste le parole di Vincenzo Montella in conferenza stampa:

Sulla gara: “E’ una vittoria importante, è il primo mini obiettivo, abbiamo raggiunto il primo posto che ci permetterà di concentrarci un po’ di più sul campionato. La squadra mi è piaciuta perché dopo lo svantaggio non ha perso la ragione e ha raggiunto la vittoria meritatamente”.

Sul momento della squadra: “Credo che la squadra stia migliorando, rapportata sempre all’avversario. Al netto delle differenze tecniche delle avversarie sta avendo una continuità, un percorso”.

Sul vantaggio dell’Austria Vienna: “Ero curioso di vedere la squadra come reagiva al loro gol e lo ha fatto con intelligenza, logica e forza”.

Sui singoli: “Kessie e Biglia due giocatori diversi, ma io devo valutare anche l’attenzione e devo dire che hanno fatto entrambi un’ottima partita”.

Su Bonucci: “Si è fatto male? Non ho approfondito ancora ma comunque non è nulla di grave”.

Su Borini: “Non ricordo che abbia mai fatto un altro ruolo (scherza), si è adattato benissimo. Se riuscisse a fare un ulteriore step fisico in avanti riuscirebbero ad andare al gol anche di più. I ragazzi davanti hanno fatto bene, sono giovani, non si può quantificare il margine di crescita che hanno”.

Su Kakà e la sua influenza sui giovani: “Non credo avrebbe influenza, Kakà è un ragazzo straordinario, fantastico per il Milan, non so cosa voglia fare da grande, non l’ha ancora detto. Mi sono emozionato a salutarlo e vedere che non è cambiato nel suo sorriso, emana sempre una purezza particolare. Ma credo che i giovani abbiano bisogno di un allenatore e di compagni che li facciano crescere”.

I tifosi vogliono due punte con Suso? “Non sono convinto che la pensino così. Non ho avuto queste dimostrazioni dai tifosi, io penso che loro vogliano che la squadra giochi bene e vinca. Sono importanti gli equilibri di squadra, ci sono principi che bisogna mantenere e avvicinarsi alle caratteristiche dei giocatori. Mi avete tartassato per mesi su Suso seconda punta, ora lo state facendo di nuovo: ma dove bisogna metterlo Suso?”.

Quanti punti farà il Milan in queste giornate: “Nessuna previsione, dobbiamo giocare domenica contro una squadra che ha valori, la mia testa è esclusivamente su questa partita. Le tabelle non le ho fatte mai, figuriamoci se possiamo farle adesso”.

Su André Silva:E’ un ragazzo giovanissimo con qualità importantissime, il calcio italiano è un po’ diverso, ci sono meno spazi e meno tempo di pensare, di scegliere. Si abituerà presto e riuscirà a fare anche in campionato quello che ha fatto fino ad oggi in Europa”.

Ancora su Kakà: “E’ più facile allenatore o dirigente a fine carriera? Io quando ho smesso sono stato accompagnato nella scelta, e io ho preferito fare l’allenatore. Ho capito che era la mia vocazione e ognuno ha il proprio modo per arrivarci”.