Tuttosport, altra prestazione da squadra mediocre: zero punti contro le big e quarto posto sempre più lontano

Bonucci SpazioMilan
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Il Milan prosegue il viaggio verso la mediocrità, scrive cosi l’edizione odierna di Tuttosport analizzando la prestazione dei rossoneri ieri contro il Napoli. I ragazzi di Montella non hanno sfigurato ieri però nonostante l’impegno messo in campo il risultato rimane invariato: ennesimo scontro diretto perso e quarto posto sempre più lontano.

Il Milan come osserva il quotidiano torinese, comincia a somigliare a una squadra, ha orgoglio, lotta e non molla pur essendo sotto di due gol ma non riesce quasi mai a pungere e il settimo posto in classifica non è certo un caso, considerando le sei sconfitte contro le sei squadre di vertice, e la distanza dal quarto posto, infatti, è cresciuta ulteriormente dopo la vittoria di ieri della Roma.

Ma c’è stata ancora una netta differenza, che dalla tribuna si è notata molto bene: la rispettiva partecipazione all’azione di ripartenza: quando il Milan ripartiva il portatore di palla quasi sempre, era anche il giocatore più avanzato, con la sola esclusione di Kalinic, che però serviva poco o nulla a far salire la squadra, quando era il Napoli invece a ripartire, l’azione era corale, quasi come una squadra di rugby, ma con la differenza che chi correva, palla al piede, aveva almeno 3 o 4 soluzioni davanti a sè, tra cui scegliere per proseguire la manovra.

Il Milan nonostante tutto ha provato a tenere testa  soccombendo solo per pochi minuti, tenendo comunque il match equilibrato, e subendo il secondo gol, ancora intorno alla mezz’ora della ripresa, quando nell’aria si respirava aria di pareggio. Con l’ingresso di Andrè Silva al posto dell’infortunato Suso, i rossoneri hanno dato il meglio. Ma che il Milan non sia passivo e che abbia ancora un’anima è dimostrato dal gol del 2-1, segnato da Romagnoli in recupero con uno bellissimo tiro da fuori.