Tuttosport, Milan: una stagione in 50 giorni. I rossoneri si giocano tutto dentro e fuori dal campo

Montella-Fassone-Mirabelli SpazioMilan2
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Un novembre rovente attende i rossoneri, dentro e fuori dal rettangolo di gioco. Da qui a Natale, la squadra guidata da Vincenzo Montella dovrà, infatti, raddrizzare la falsa partenza stagionale, mentre la società dovrà muoversi su più tavoli per ottenere il voluntary agreement da parte della UEFA e il denaro dalle banche, necessario per rifinanziare il fondo Elliott.

Oggi, dopo una settimana senza nazionali né partite, Montella potrà iniziare a preparare il big match di sabato del San Paolo, per confermare la ripresa mostrata nell’ultimo incontro di campionato con il Sassuolo. Ottobre è stato, infatti, un mese turbolento per l’aeroplanino, che ha rischiato, più di una volta, l’esonero e la partita di Napoli non rappresenta certo il banco di prova più agevole per dimostrare che il suo Milan è pienamente guarito nel corpo e nello spirito.

I partenopei sono una squadra tosta, forse, la più difficile da affrontare. La società di via Aldo Rossi lo sa e, come evidenzia l’edizione odierna di Tuttosportpare guardare con maggiore interesse alle cinque partite seguenti, quelle con Torino, Benevento, Bologna, Verona e Atalanta, che accompagneranno il Milan sino alle vacanze natalizie. Nel frattempo, infatti, le rivali saranno impegnate in molti scontri diretti e i rossoneri sperano di rosicchiare qualche punto per tentare poi, in primavera, l’affondo decisivo (e clamoroso) a un piazzamento Champions.

Non c’è solo la serie A per il Milan, che, nello stesso frangente di tempo, si giocherà con Rijeka e Austria Vienna, il primo posto nel girone di Europa League, e, il 13 dicembre, a San Siro, anche il passaggio del turno di Coppa Italia, con una tra Chievo ed Hellas. La Coppa di Lega, che potrebbe mettere di fronte, già ai quarti, Milan e Inter, è tutt’altro che un obiettivo secondario per la nuova dirigenza milanista, che vorrebbe, comunque, chiudere la prima stagione con un trofeo in bacheca.