Uniti per la maglia: Herbert Kilpin e i colori della leggenda

Herbert Kilpin
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

La sera di mercoledì 13 dicembre 1899, un gruppo di inglesi, frequentatori dell’American Bar, e uno di italiani, clienti della Birreria Spaten, si riuniscono all’Hotel du Nord, piazza della Repubblica, Milano, e costituiscono il Milan Cricket and Foot-ball Club

È uno della combriccola di britannici, Herbert Kilpin,  primo capitano della neonata squadra, a scegliere i colori della leggenda: il rosso come il fuoco e il nero come la paura che incuteremo agli avversari. Kilpin assume, per l’occasione, anche i panni di stilista delle prime divise del Milan, ispirandosi ai modelli inglesi dell’epoca e incaricandosi di tramandare tale tradizione ai posteri.

Il completo si compone  di una camicia a maniche lunghe dal collo inamidato, tinteggiata di strette e continue strisce verticali rossonere, che si ripetono nell’immancabile berrettino (the cap) dei calciatori di Sua Maestà. Sul cuore è cucito lo stemma di Milano, uno scudo sannitico bianco, riempito da una croce rossa. I calzoncini a 3/4 sono bianchi mentre i calzettoni neri con una banda rossa.

La divisa, che verrà riproposta in una versione rivisitata in occasione del centenario, viene utilizzata, per la prima volta, nella stagione 1889-1890 e l’anno successivo è subito Scudetto.