AAA cercasi difesa rossonera: quanti goal subiti!

AAA cercasi difesa rossonera: quanti goal subiti!

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Ancora una volta nella storia rossonera Verona si conferma fatale. Altra disfatta sotto l’Arena, pesante per come è maturata e per il risultato finale. Segnali di crescita che sembravano far ben sperare i tifosi rossoneri nelle ultime partite, ma anche ieri, all’ora di pranzo, il Diavolo ha dovuto soccombere sotto i colpi degli uomini di Fabio Pecchia.

Milan che emula il passo del gambero. Per ogni salto in avanti, ne fa tre indietro. Tre proprio come i goal che prende a Verona, da uno dei peggiori attacco della nostra Serie A. Un tempo la città di Giulietta e Romeo risultava fatale per i sogni scudetto, ora è fatale al Milan perché è indice di crollo e non rispetto verso la storia di questo club, sepolta, ieri, dopo la bruttissima prestazione degli uomini di Gattuso.

Lo stesso Gattuso che, dopo il suo arrivo, ha provato a rimodellare il Milan secondo il principio del “ognuno nel ruolo più congeniale alle proprie caratteristiche”. Così ha fatto con Suso e con Bonaventura: due giocatori chiave di questo Milan, come lo erano per Vincenzo Montella. Gattuso ha avuto l’umiltà di tornare al passato, parlando con i senatori della squadra, i quali criticavano le modalità con cui Montella è passato alla difesa a tre e la produttività del nuovo modulo. 

Ma i risultati, nonostante le vittorie con Bologna ed Hellas in Coppa Italia, non sono mai stati troppo convincenti. Prendiamo la partita col Bologna come esempio: il Milan, in vantaggio per 2-1, ha fatto di tutto per farsi rimontare. Quando è sotto, invece, non ha la forza per riprendere in mano la partita e cade, sotto i colpi di qualsiasi squadra.

I goal presi, ieri, contro l’Hellas Verona sono indice di problemi che vanno oltre la stessa fase difensiva. E’ inaccettabile, come lo è in Terza Categoria, un calo di concentrazione su un calcio d’angolo che porta al salto delle marcature e al giusto, e sottolineo giusto, goal subito. E’ inaccettabile continuare a non reagire agli schiaffi e restare inermi davanti ad una situazione sfavorevole, bullizzati da sé stessi. Seconda e terza rete della gara di ieri sono l’esempio lampante di tutto questo.

Troppi errori individuali e troppa poca cattiveria dei singoli, vedi Romagnoli sul goal di Kean o la posizione di Leonardo Bonucci sul 3-0 di Daniel Bessa. I giocatori hanno avuto tutto ciò che chiedevano, ora devono rendersi conto di essere arrivati a toccare il fondo del barile. Sono entrati in un circolo vizioso dal quale solo loro devono uscirne, una psicosi che non dipende dagli obiettivi, anche perchè il campionato è compromesso e pertanto tutti gli obiettivi prefissati ad inizio stagione. Ora, senza pressioni, serve davvero una scossa per uscire da quel perenne stato di ansia che ha mandato il Diavolo all’inferno.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy