Berlusconi attacca Gattuso, il Milan risponde: "Quando parla il presidente storico non si giudica"

Berlusconi attacca Gattuso, il Milan risponde: “Quando parla il presidente storico non si giudica”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

“Berlusconi in tackle sull’amico Gattuso” “Modulo sballato, soffro per il Milan”, è il titolo del Corriere della Sera a pagina 59 di oggi, con l’aggiunta nel box “Il modulo a due punte che ci ha portato tanti successi non va dimenticato: uno deve essere Suso, con Bonaventura trequartista in grado di arrivare anche al tiro”. L’argomento tiene banco anche sulle pagine del Corriere dello Sport: “Silvio attacca – “Rino devi cambiare” – Berlusconi torna a farsi sentire “Non si gioca con una punta, tanti acquisti non da Milan”. Spazio e titolo anche su Il Giornale: “Parla Berlusconi: “Bonaventura vale quasi Kakà” – “Che triste Milan, colpa del modulo” – “Servono le due punte. Vorrei vedere giocatori all’altezza di quelli di prima”. Le dichiarazioni hanno un impatto tale da arrivare anche su Il Fatto Quotidiano: “Ora Berlusconi vuole tornare a fare la formazione al Milan e dà indicazioni a Gattuso”.

IL COMMENTO DEL MILAN

Così il Milan si è espresso, attraverso il proprio sito ufficiale (acmilan.com), sulle parole di Silvio Berlusconi:

“Sulle dichiarazioni di Silvio Berlusconi, rileviamo quanto è corretto fare a livello sportivo e istituzionale. Ovvero che quando parla il presidente storico, il presidente per definizione, non si giudica e non si commenta: si ascolta. Lo aveva anche dichiarato proprio lo stesso Rino Gattuso, al momento della sua presentazione nella conferenza stampa di insediamento a Milanello. Il tecnico rossonero aveva rilevato che parlare con Berlusconi è importante e soprattutto di averlo ascoltato volentieri”.

 

 

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy