Il solito giochino: tutti responsabili, nessuno dimissionario