Gazzetta, caso Donnarumma: i tifosi del Milan sono molto irritati

Gazzetta, caso Donnarumma: i tifosi del Milan sono molto irritati

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Dopo la sceneggiata della scorsa estate è scoppiato nuovamente il caso Donnarumma. Quale sarà adesso il rapporto coi tifosi rossoneri?

IN CAMPO- Le prime impressioni si noteranno stasera per la sfida di Coppa Italia contro il Verona e- riporta la Gazzetta dello Sport- mister Gattuso ha lasciato da parte le voci di mercato per affidargli le chiavi della porta di questa partita importante. Il nuovo allenatore del Milan ieri non l’ha detto pubblicamente ieri in conferenza <<per rispetto di Antonio e Storari>>, ma anche oggi Donnarumma senior deve rimandare il suo esordio in rossonero.

DELUSIONE– In estate il portiere classe ’99 è stato protagonista di molte offese, come “mercenario” o “Dollarumma”. Poi però si è scusato nella diretta di Facebook in compagnia di Fassone e Mirabelli: “Non volevo ferire i tifosi rossoneri perchè anch’io sono milanista dalla nascita: spero che il nostro rapporto ritorni come prima”. Anche Montella poi, alla vigilia del Craiova, ha dichiarato: “Spero che domani gli venga dato affetto”. Parole ricevute dai tifosi rossoneri che, soprattutto alla parata di faccia sull’1-0, hanno fatto partire un’ovazione per lui. Ora però, come si vede sui social, i milanisti si sono stancati di questa vicenda: c’è chi lo critica, chi chiede la sua cessione, chi desidera le sue smentite in qualche microfono pubblico e chi, addirittura, gli chiede di restituire i soldi che ha guadagnato in questa metà di stagione. Copione già visto: anche stavolta ci saranno i margini per ricucire il rapporto?

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy