Ieri mister B, oggi mister...o Li: il Milan è un figlio senza padri