Milan, alibi finiti: ora i giocatori devono dare di più