Milan versione gambero. Un passo avanti e due indietro