Riscoppia il caso Donnarumma: Raiola vuole annullare il contratto

Riscoppia il caso Donnarumma: Raiola vuole annullare il contratto

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Dopo aver tormentato i tifosi rossoneri per diverse settimane la scorsa estate, il caso Donnarumma potrebbe presto riaprirsi nonostante lo scorso 11 luglio scorso il portierone rossonero abbia rinnovato il suo contratto fino al 30 giugno 2021, a riferirlo è l’edizione odierna del Corriere della Sera.

Ecco, la questione relativa alla clausola rescissoria avrebbe scatenato una nuova “guerra” tra Milan e Raiola. La clausola, infatti, non sarebbe stata depositata dalla società in Lega Calcio per il semplice fatto che non è stata sottoscritta dalla controparte, ma Mino Raiola, attraverso l”avvocato Rigo, avrebbe inviato un’email al Milan in cui viene spiegato di fatto che la volontà è quella di annullare il contratto firmato nell’estate scorsa. Motivazione? Gigio avrebbe subito una violenza morale e psicologica e nelle settimane scorse avrebbe inviato un documento alla società in cui viene spiegato che a luglio ha firmato il rinnovo di contratto senza la necessaria serenità. Se tutto questo verrà dimostrato, Raiola otterrà l’annullamento e di conseguenza Donnarumma potrà liberarsi a costo zero la prossima estate.

La società sorride, visto che la “violenza” si è manifestata attraverso un compenso che è passato da 100 mila euro a 11 milioni di euro lordi. Le ultime ore sono frenetiche, e le parti sono al lavoro per cercare di analizzare tutti i dettagli di un’eventuale causa. L’obiettivo di Raiola è quello portare via Donnarumma a parametro zero, procurandosi delle commissioni record, così come è successo con Paul Pogba.

 

 

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy