CONFERENZA/ Gattuso: “Domani una finale di Champions. Biglia fondamentale. Su Kalinic come Mandzukic… “

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Queste le parole di Gattuso nella conferenza stampa alla vigilia del suo primo match da allenatore del Milan, in programma domani contro il Benevento:

Kalinic come Mandzukic: “Sarebbe tanto roba. Ora mi sembra molto difficile. L’unico che potrebbe farlo per caratteristiche è Cutrone. Forse anche Silva. A Kalinic piace più giocare in mezzo”.

Cosa resta di Montella: “Il fatto di palleggiare dal basso e il possesso palla rimarranno. Sono cose fatte molto bene da Montella. Cercheremo di verticalizzare e trovare la profondità. Molte cose rimarranno della precedente gestione”.

Biglia: “Con lui ho parlato. In Argentina ci sono milioni di giocatori, non è un caso che sia titolare in Nazionale. Io li rispetto moltissimo. Deve stare bene fisicamente, ha una grande mentalità e ottima tecnica. Per me è fondamentale. Deve migliorare la condizione”.

Allenatore del Milan: “Questo era il mio obiettivo quando ho iniziato a fare questo mestiere. Non avrei mai pensato di arrivarci ora. Sarei potuto entrare nello staff di Allegri, o allenare la Primavera quattro anni fa. Ho scelto altre esperienze”.

Kalinic: “Basta un gol per sbloccarsi a livello mentale. Lui ha bisogno di fiducia, come tutti gli altri. Ha il merito di crearsi le palle gol, ora deve trovare la continuità di finalizzare”.

Emozione: “Più che emozionato, provo tensione. Loro hanno tutto da perdere, noi abbiamo una situazione di classifica non buona. Sono tranquillo per quello che ho visto questa settimana a Milanello”.

Nuova esperienza: “Mi sento a mio agio. Non ho avuto difficoltà. La gestione dei ragazzi è la cosa più complicata. Servono tutti, la mia più grande preoccupazione è coinvolgere tutti i ragazzi”.

Benevento: “Sarà una battaglia. Da quando c’è De Zerbi è una squadra viva e molto pericolosa. Nelle ultime gare meritavano di più. Domani sarà un ambiente caldo, ma i tifosi non giocano. Dobbiamo chiudere gli occhi e pensare che domani sia una finale di Champions, non possiamo permetterci di perdere”.

Cosa migliorare: “Il mio metodo è totalmente diverso da quello di Montella. Un po’ di difficoltà l’ho toccata con mano nei ragazzi. Dobbiamo migliorare sull’intensità e la mentalità. Di tempo ce n’è poco. Le vittorie aiutano a lavorare meglio”.

La settimana: “Per quello che ho visto in settimana è stato molto difficile scegliere i ragazzi giusti, ho apprezzato la loro disponibilità”.

 

 

 

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook