Dopo le accuse si torna a giocare con la voglia di smentire tutti anche in campo

Dopo le accuse si torna a giocare con la voglia di smentire tutti anche in campo

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Le settimane di sosta sono servite alla banda di Gattuso per ricaricare le energie e rilassarsi in attesa degli ultimi mesi della stagione ma anche per riportare a galla sui media nazionali la spinosa questione della vendita societaria. La bomba del quotidiano ‘La Stampa’ secondo il quale Silvio Berlusconi avrebbe riciclato dei suoi soldi nell’atto del closing è stata subito rigettata al mittente dall’ex presidente del Milan, smentita dalla Procura di Milano e anche da Yonghong Li che con un comunicato infuocato si è detto stufo di queste continue insinuazioni.

Parole e accuse che certamente non fanno bene alla squadra che dovrà essere quindi brava a estraniarsi e a pensare solamente al campo. Dare continuità su un campo difficile come quello di Cagliari sarebbe di vitale importanza per i rossoneri che inserirebbero ancora più fiducia nel motore in vista delle sfide decisive di Coppa Italia e di quelle in Europa League, veri obiettivi stagionali, vista la distanza abissale verso il quarto posto in campionato. I primi segnali di crescita si sono visti negli ultimi match dello scorso anno e contro il Crotone ma la salita è ancora lunga e stracolma di ostacoli.

Gattuso sa come si fa, testa bassa, orecchie tappate e lavoro lavoro e ancora lavoro. E’ l’unico metodo che conosce, è quello con cui ha vinto tutto  e non intende cambiare strada.  Il campo come unico obiettivo per una smentita anche tecnica dopo un’estate da imperatori cancellata da questi mesi molto negativi.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy