Gazzetta, Andrè Silva scontento: dai 41 secondi di delusione al sogno Barcellona

Gazzetta, Andrè Silva scontento: dai 41 secondi di delusione al sogno Barcellona

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

La stagione deludente del Milan può essere rappresentata dal video del termine di Milan-Crotone in cui il protagonista è Andrè Silva. Come riporta ‘La Gazzetta dello Sport’ il portoghese domenica è sembrato più deluso del solito: a testimoniarlo è il video di un tifoso in cui, nei primi secondi, l’attaccante rossonero dà (seppur non felice) il cinque a Gattuso, poi vede da lontano i compagni festeggiare e infine va da solo verso gli spogliatoi. Per l’ottava volta in campionato l’ex Porto è rimasto per 90′ in panchina e i numeri non sono rassicuranti. E’ partito titolare per quattro volte, in otto occasioni è entrato in corsa per totalizzare un minutaggio di 536 su 1800 a disposizione.

COLPE– Nel post partita di Milan-Crotone il direttore sportivo Mirabelli ha difeso il portoghese dichiarando che Andrè Silva (insieme agli altri acquisti estivi) non verrà ceduto, ma se dovesse arrivare un’offerta il portoghese farebbe ricavare al Milan la cifra con cui lo prelevò dal Porto. Di chi sono le colpe? Gattuso si è assunto le sue responsabilità giustificando il talento del suo giocatore che, in Europa League, è il cannoniere rossonero, in Nazionale è sempre titolare e l’anno scorso realizzò 5 gol in Champions (una media di 1 gol ogni due partite) e 12 gol in campionato.

FIDUCIA– Intanto il Milan continua a dare fiducia al ragazzo. Jorge Mendes, agente del giocatore, ha proposto Andrè Silva a club come il Barcellona ma la dirigenza rossonera ha risposto con un no secco a queste opzioni.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy