Il Milan spiega le ali con il "fattore C"