SM RELIVE/ Zenga: "Il gol di oggi è stato un po' strano. Sul pubblico? Non mi aspettavo un'accoglienza diversa"

SM RELIVE/ Zenga: “Il gol di oggi è stato un po’ strano. Sul pubblico? Non mi aspettavo un’accoglienza diversa”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Terza sconfitta consecutiva per il Crotone, che perde anche la prima del 2018 contro il Milan a San Siro. Le parole del tecnico Walter Zenga nella conferenza stampa post partita.

LA CONFERENZA IN PILLOLE

Su diversa era del calcio: “Prima ci si conosceva tutti. Le mie parole su Rino e le sue sulle mie sono state interpretate correttamente. Siamo due bandiere che sono cresciute e hanno dato tutto per la loro squadra. Adesso è diverso e ci sono giocatori che non sanno neanche chi sei. La qualità però c’è sempre. Vedo giocatori come Bonaventura che sanno già dove mettersi in campo, possono cambiare ruolo e quindi la qualità c’è”.

Su pubblico di San Siro: “Non mi aspettavo un’accoglienza diversa. Mia madre è morta però penso sia di dubbio gusto. Io sono sempre stato dell’Inter e sono orgoglioso. Poi sempre pensato che sia peggio l’indifferenza rispetto ad essere odiato”

Su gol su palle inattive: “Posso parlare per me ed è la prima volta che capita. Quello di stasera è stato un po’ strano, ma non è stato un errore della difesa. Prima abbiamo preso sempre gol su azione in contropiede”

Su mercato: “Bisogna capire se si deve migliorare la qualità per portare la palla in area di rigore o la qualità con un innesto. Abbiamo sbagliato tempi dell’uscita, i passaggi e la capacità di creare. Poi con l’ingresso di Crociata qualcosa è cambiato. Quindi si deve capire se ha senso prendere un attaccante da 20 gol se poi non gli arriva la palla”

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy