Si scrive Cutrone, si legge Inzaghi: Patrick come Pippo, che regalo a papà Pasquale

“Ha caratteristiche molto simili a quelle di Inzaghi, è velenoso, crede in palloni a cui solo lui può credere”. Se non sono una dichiarazione d’amore, poco ci manca. Parole di Gennaro Gattuso, tecnico rossonero, al termine di Ludogorets-Milan.

I riflettori si accendono sempre e solo su di lui: Patrick Cutrone. L’ex bomber della Primavera rossonera ha conquistato oramai anche il posto da centravanti titolare del Milan e dopo la doppietta contro la Spal è arrivata la conferma anche in Europa League contro il Ludogorets: gol e rigore guadagnato, 7.5 in pagella. Come riporta La Gazzetta dello Sport, la prima stagione di Cutrone al Milan è molto simile a quella di Inzaghi: i gol sono sotto gli occhi di tutti (di spalla e sfiorandola di testa, la palla finisce sempre dentro), i numeri anche. Ad oggi Cutrone è il miglior marcatore della squadra (5 gol più di chiunque, fra cui Sudo e André Silva), mentre le reti in stagione sono salite a 13 (Inzaghi ne realizzò 16 al primo anno).

Segnare nel giorno del compleanno del papà, poi, risuona come un segno del destino. Proprio il numero che Patrick porta sulle spalle è un omaggio a papà Pasquale, che non poteva ricevere regola migliore se non il gol del proprio ragazzo in Europa. Per un Milan da grandi firme, Cutrone adesso guida il Milan.

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI

Preferenze privacy