Attenzione, equilibrio e cinismo: gli antidoti alla Juventus