Il 4-2-3-1 bianconero che esalta la capolista contro un Milan affamato: la sfida di Torino non è decisa in partenza