Gigio, a testa alta. Il Milan è (per ora) ancora tuo