Mino, dove se finito?

Mino, dove se finito?

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin
Raiola Milan FIFA
Di questi tempi lo scorso anno veniva scritta la parola ‘fine’ sulla telenovela Donnarumma. Settimane di scoop, finti scoop, profili social hakerati o forse no, fino al rinnovo rifiutato e poi accettato con lauto ingaggio annesso.
In mezzo ci fu la rinuncia a presentarsi all’esame di maturità (superato quest’estate) e un po’ di calcio giocato, ovvero un Europeo under 21, con prestazioni di Gigio non brillantissime e goliardiche contestazioni da parte del Milan Club Polonia, specialmente durante Danimarca-Italia U21 appunto.
Un periodo caldo, di confronti a muso duro tra Raiola e Mirabelli, con Fassone mediatore. Prima delle fanfare rossonere post firma del quadriennale da 6 milioni di euro, ci furono anche diverse uscite pubbliche dell’istrionico Mino, il quale aveva paragonato il suo valore a quello di un Modigliani.
Per il procuratore italo-olandese non è una novità la comparazione tra opere d’arte e i suoi assistiti; “Balotelli è prezioso quanto la Gioconda” e “Pogba è pregiato come un Dalì”, sono solo alcune delle sue frasi celebri.
Il fatto che non si sia minimamente fatto sentire in queste settimane di terremoti societari, lascia spazio a differenti interpretazioni. Quella romantica suggerisce che Gigio voglia fortemente restare al Diavolo e pertanto qualsiasi tentativo di convincerlo a cambiare aria sarebbe inutile. La versione più pragmatica invece porterebbe a pensare che non pubblicizzare la sua possibile uscita, consentirebbe di poter portar il 99 a prezzi relativamente bassi in una destinazione a lui gradita.
Resta il silenzio che come spesso accade fa più rumore della caciara.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy