Milan, 4-3-3 o 4-2-3-1? Gattuso studia le alternative per accendere la luce di Higuain

Milan, 4-3-3 o 4-2-3-1? Gattuso studia le alternative per accendere la luce di Higuain

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin
Milan Higuain

La prima apparizione rossonera al San Paolo ha permesso a mister Gattuso di apprendere i limiti e le mancanze del suo Milan. In difesa, un discreto Romagnoli ha condotto la squadra da capitano con grande consapevolezza. Il Milan assomiglia molto a quello dello scorso: gol del centrocampista e addirittura del terzino. Higuain ha faticato a costruire, proponendo poche sponde vincenti, pochi spunti e zero gol. Certo, il Pipita si sta integrando, sta apprendendo la modalità di gioco e degli allenamenti a Milanello. Poco alla volta il mondo rossonero non avrà più segreti e certamente renderà al massimo delle sue possibilità. Analizzando il match di Napoli è doveroso ammettere che il Pipita è stato servito poco: pochi palloni e poche occasioni sanguinose, di quelle che solitamente l’argentino trasforma in reti vincenti e convincenti.

A centrocampo, Gattuso ha scelto Biglia, affiancato da Bonaventura e Kessie. Un mix perfetto di fisicità e lucidità tecnica. La peggior sorpresa risponde al nome di Lucas Biglia. L’ex laziale è apparso sottotono, poco lucido, poca la freschezza e le idee in mezzo al campo. Anche per lui il primo match, i primi 90 minuti della sua stagione. Non si deve accorrere a giudizi affrettati, ma girandosi verso la panchina Gattuso non rintraccia registi. Montolivo, escluso dal progetto tecnico non è considerato un’alternativa. Lo è stato Bakayoko, subentrato proprio a Biglia nel match del San Paolo. Il neo acquisto rossonero, ha proposto corsa e fisicità, doti che hanno piacevolmente colpito il mister rossonero in allenamento. Adattato regista, non ha reso al massimo a livello tecnico. Quale la soluzione?

La soluzione, potrebbe essere un cambio del classico 4-3-3 tanto caro a mister Gattuso. Con un 4-2-3-1, Higuain si troverebbe alle sue spalle tre fonti di palloni sanguinosi e idee brillanti. Suso, Calhanoglu e Bonaventura agirebbero dietro l’unica punta, garantendo gioco e verticalizzazioni proprio alla sola fonte offensiva. Certamente, il lavoro di Higuain aumenterebbe, con le difese avversarie coinvolte in una sola marcatura: quella dell’unica punta e riferimento offensivo. Questo modulo vedrebbe risolta anche la problematica che coinvolge il regista. Con il 4-2-3-1, infatti, il centrocampo a due risulterebbe composto da Kessie e Bakayoko. Un centrocampo certamente poco tecnico, caratterizzato da corsa, fisico e quantità. Un ottimo filtro per il reparto difensivo, insomma, e, all’occorrenza, un’ottima fonte di velocità verso i reparti offensivi. Alle spalle di Higuain, invece, pioverebbe qualità: con la fantasia del turco Calhanoglu, i cross di Suso e la freschezza (e qualche gol) di Bonaventura. Parola a mister Gattuso. 

SEGUI SPAZIOMILAN SU: FACEBOOK – TWITTER – INSTAGRAM

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy