"Sono io il responsabile se non si vince". Umile e grintoso, Gattuso riabbraccia il vero Milan