A Siviglia con il modulo camaleontico e un doppio tabù da sfatare