Da Manchester a Doha: il Milan è il nervo scoperto di Evra?

F6930885-F815-43D4-B5C1-715CE9AFCE72
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Chi di social ferisce, di social perisce. Torna indietro come un boomerang il commento poco simpatico di Patrice Evra su Instagram relativo al Milan e alla lontananza dalla Champions League. Ieri il francese, infatti, ha commentato una foto che ritraeva Paulo Dybala e Leonardo Bonucci, dicendo senza mezzi termini che difficilmente il difensore avrebbe giocato la massima competizione se fosse rimasto in rossonero. Al di là del tentativo di scuse, apparso oggi sempre su Instagram, vale la pena rinfrescare la memoria.

Nel 2007, infatti, fu proprio Evra, all’Old Trafford nella semifinale d’andata di Champions (vinta 3-2 dal Manchester United, poi ribaltata 3-0 a San Siro dal Milan trionfatore ad Atene) a rendersi protagonista di uno degli episodi più goffi della sua brillante carriera. Come dimenticare, infatti, quando Kakà, al 37′ del primo tempo, portò il Milan momentaneamente sull’1-2, saltando prima Heinze e poi Evra, facendoli pure ostacolare tra loro per infilare Van der Sar.

“Adesso il sorriso è tornato“, ha scritto ieri proprio l’ex Manchester e Juve sui social all’indirizzo di Bonucci. Probabilmente, ricordando circostanze che lo videro undici anni fa, il Milan non farà mai scattare un sorriso sul volto del francese che perse anche a Doha la Supercoppa Italiana nell’ultima gara ufficiale disputata con la maglia della Juventus. Il più bel silenzio non fu mai scritto.