Dalla panchina al campo con un biglietto solo andata. È un Bakayoko 2.0