È un Milan che 'ringhia'. Ed il merito è del suo condottiero gattuso