M come mediocrità: senza top player non si torna all'eccellenza