Higuain e Cutrone hanno un motivo in più: il Milan va con loro a caccia del gol

Higuain e Cutrone hanno un motivo in più: il Milan va con loro a caccia del gol

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Tutto è iniziato nella gara di andata, e stasera si vuole fare lo stesso. Se Gonzalo Higuain e Patrick Cutrone sono diventati coppia inamovibile nell’attacco del Milan, lo si deve in massima parte al match disputato lo scorso 4 ottobre a San Siro. Fu allora, infatti, che mister Gattuso maturò definitivamente l’idea di far giocare insieme il campione argentino e il giovane bomber italiano. Come evidenzia La Gazzetta dello Sport, in questi due mesi sono cambiati moduli (difesa a 3 o a 4, centrocampo a 4 o a 5), e calciatori, ma – quando squalifiche e infortuni lo hanno permesso – Ringhio non ha mai derogato all’accoppiata Higuain-Cutrone.

E saranno proprio loro questa sera a guidare l’attacco rossonero nello scontro diretto in casa dell’Olympiacos. Nonostante un appannamento nelle ultime settimane, la coppia Higuain-Cutrone viaggia ancora ad una media di un gol ogni 65 minuti (otto reti in 518 minuti in cui entrambi sono stati sul terreno di gioco). Dicevamo di un appannamento nelle ultime settimane: già, perchè i due hanno da sfatare alcuni tabù.

Il Pipita, in particolare, non va in gol dalla gara contro la Samp del 28 ottobre, anche a causa di problemi fisici e squalifiche che lo hanno fortemente limitato nelle ultime cinque gare. Patrick, invece, deve tornare a segnare in trasferta: l’ultimo gol lontano da San Siro risale addirittura a febbraio contro la Roma. Stasera si gioca nell’inferno del Karaiskakis, ma il Diavolo vuole regnare coi gol dei suoi bomber.

SEGUI SPAZIOMILAN SU: FACEBOOK – TWITTER –INSTAGRAM

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy