RASSEGNA STAMPA/ Rossoneri all'inferno: un Milan inesistente, come il rigore decisivo, saluta l'Europa

RASSEGNA STAMPA/ Rossoneri all’inferno: un Milan inesistente, come il rigore decisivo, saluta l’Europa

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

La notizia del giorno è tristemente la sconfitta per 3 a 1 che il Milan subisce ad Atene per mano dell’Olympiacos che – per via della differenza reti – passa il turno da seconda del girone e spedisce gli uomini di Gattuso all’inferno. Il percorso dei rossoneri all’interno di questa edizione dell’Europa League, conquistata sul campo a maggio e riconquistata nei tribunali a fine luglio dopo un estate così tanto tribolata termina prematuramente nella bolgia del Karaiskakis.

Una sconfitta che La Gazzetta dello Sport definisce con tante attenuanti, ma dove pesano come un macigno le tante occasioni sprecate sotto porta da Higuain e compagni. L’arbitro, contestatissimo, si inventa il fallo di Abate (sempre più convincente da centtrale difensivo) ma anch Gattuso ci mette del suo quando sul 2 a 1 sostiruisce Cutrone (impreciso ma molto attivo), per inserire Laxalt.

Tuttosport, pur riconoscendo legittime le lamentele a fine gara del direttore tecnico rossonero Leonardo, sottolinea il rischio che queste ingiustizie possano coprire quelli che sono stati i difetti del Milan: mancanza di personalità e leadership in primis.

Sempre il quotidiano sportivo torinese, superando l’argomento predominante di giornata, parla anche della suituazione della Primavera rossonera impegnata oggi contro l’Empoli. Scontro salvezza che, in caso di risultato negativo per il Milan, potrebbe portare all’esonero di Mister Lupi.


SEGUI SPAZIOMILAN SU: FACEBOOK – TWITTER –INSTAGRAM

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy