SALA STAMPA/ Gattuso: "Sono io la guida della squadra. Mi prendo le colpe. Su Suso..."

SALA STAMPA/ Gattuso: “Sono io la guida della squadra. Mi prendo le colpe. Su Suso…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Mister Gattuso è intervenuto in conferenza stampa nel post partita di Frosinone-Milan, gara terminata 0-0. Ecco le sue dichiarazioni. 

Sul momento: “Non posso essere tranquillo, non vinciamo dal 2 dicembre. Stiamo facendo fatica, non è un momento positivo per noi. Non stiamo raccogliendo i risultati che mi aspettiamo per i quali lavoriamo ogni giorno. Se avessi mai avuto la sensazione di non avere in pugno la squadra, avrei già lasciato. Possono succedere momenti così, sono io il capitano della squadra, mi prendo le responsabilità. Non sono mai stato tranquillo”.

Sull’arbitro: “L’hanno rivisto diverse volte, da molti schermi e inquadrature. Ci può stare che l’arbitro non l’abbia visto. È stato richiamato, ha analizzato e ha deciso di annullare il gol. Lavorano per evitare errori”.

Sulla gara di oggi: “È giusto il pareggio, questa partita andava affrontata in maniera diversa, abbiamo concesso troppo. Abbiamo sbagliato approccio, ci è andata bene perché abbiamo rischiato di perdere. Loro non hanno rubato nulla, non abbiamo sfruttato le nostre occasioni e loro ci hanno messo in difficoltà”.

Su come si ripartirà: “Dobbiamo uscire tutti insieme, vedo grande impegno da parte dei miei giocatori. Abbiamo una buona squadra, penso che abbiamo anche giocatori con tecnica. Stiamo avendo diverse difficoltà, questo potrebbe non bastare”.

Su Suso: “Ha un problema. Gli è successo anche prima di Atene, ha un po’ di edema sul pube. Domani vedremo cosa ci diranno i medici”.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy