A tutto Piątek: "West Ham? Stessi soldi, ma il Milan un'altra cosa. Col Napoli voglio presentarmi a San Siro. Vivo un sogno"

A tutto Piątek: “West Ham? Stessi soldi, ma il Milan un’altra cosa. Col Napoli voglio presentarmi a San Siro. Vivo un sogno”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Krzysztof Piątek, nell’unica intervista esclusiva dopo il trasferimento al Milan, ha parlato ai microfoni di Prezglad Sportowy. Eccola tradotta integralmente da SpazioMilan.it.

Gli ultimi giorni: “Ho dormito poco. Gli ultimi giorni sono stati davvero intensi, ora ho molte responsabilità di marketing, ma mi sto liberando lentamente di loro. Giovedì ho fatto molto – conferenza, sessione fotografica, intervista per la televisione del club. Venerdì i test atletici, sto cercando di concentrarmi sul lavoro. È tempo di calmarsi dopo questo periodo intenso”.

Le prime impressioni: “Incredibile! Sono arrivato in un grande club. Voglio realizzare i miei sogni, svilupparmi e fare i miei prossimi passi nella carriera. Non ho dubbi, ho preso un’ottima decisione. Mi sento benissimo, i miei compagni mi hanno accettato alla grande, sorprendentemente non c’era il battesimo – una schiera di calci (ride). Poi c’è stato il primo allenamento. E’ un sogno per ora”.

La struttura di Milanello: “Tutto è al più alto livello mondiale qui. Sei campi, due riscaldati, che useremo in inverno, uno artificiale, due palestre, cucina, sala da pranzo, ogni giocatore ha la sua stanza. Un posto fantastico. La visita alla stanza con i trofei fa rimanere a bocca aperta. Un uomo gioca tutta la sua vita per arrivare in un posto del genere”.

La chance: “Quando sto venuto a Genova non pensavo avrei lasciato il club in inverno. Però era un’offerta che non poteva essere rifiutata per tutte le parti. Mi ha aperto grandi orizzonti. Nessuno voleva bloccarlo o rallentarlo. Non ti è negato un club come l’AC Milan. Non vengo a sedermi su una panchina. Ho un’enorme possibilità di giocare in un club leggendario e voglio sfruttarla. All’inizio della stagione ho sorpreso tutti, anche io, anche se quando ho iniziato a girare, è diventato chiaro che i club europei avrebbero iniziato a interessarsi a me. Ma nonostante tutto ho pensato che se me ne fossi andato, l’avrei fatto in estate. Ma la vita è bella e imprevedibile”.

L’operazione: “Sì, il Milan è stato molto concreto. L’offerta è arrivata due settimane fa. Immediatamente le carte sul tavolo: “Ti vogliamo, ti diamo questo. Cosa dici?”. Non c’era alcun calcolo da parte mia. Una grande somma per Genova, e per me l’apertura del capitolo “Realizzo sogni che diventano realtà”.

La foto con l’asciugamano: “Fino ad oggi avevo solo potuto mettere questo asciugamano sulle spalle, ora indosso una maglietta vera con il mio nome. Magia. Il mio caso dimostra che tutto può essere fatto. Tuttavia, non voglio cancellare questo stato. Ho 23 anni e so che devo ancora fare molto, lavorare duro per rimanere in alto. L’obiettivo è andare sempre più in alto. Con il Milan voglio giocare in Champions League”.

L’interesse del West Ham: “Sì, c’era una grande offerta, ma il Genoa l’ha respinta. Voleva andare chiudere col Milan, con cui ha un ottimo rapporto. Io ero determinato ad andare al Milan. Con tutto il rispetto per il West Ham, ma sono venuto in un club molto più grande. I soldi era circa gli stessi, ma in questa fase della mia carriera non sono la cosa più importante. Qui ho la possibilità di giocare in Champions League”.

L’aspetto economico: “Questa non è la mia priorità. Se il denaro contasse di più, aspetterei l’estate e sceglierei una direzione diversa. Ho guardato più al futuro, poi a tutto il resto. È già abbastanza per mantenere la famiglia. Ho scelto la mia strada. Faccio sempre delle scelte ponderate”.

Questione numero: “Abbiamo discusso con il club. Devi dire la verità, volevo il nove e non l’ho nascosto. Tuttavia per il club deve essere una ricompensa per i calciatori che se lo meritano. Per onorare i grandi predecessori, come Filippo Inzaghi e Marco van Basten. Mi è stato detto di capire che devo prima dimostrare, dare qualcosa al club, e poi vedremo. Voglio farlo…”

La condizione: “Ho lavorato bene con il Genoa. Mi sento forte. Certo, questa settimana è stata intensa. È stato difficile trovare un po’ di pace”.

I media: “La popolarità è un’aggiunta, solo la palla conta per me. Nonostante abbia molte cose per la testa, mi sento benissimo e ho voglia di questo gioco”.

Sabato contro il Napoli: “Spero di giocare. La decisione appartiene a Gattuso. Staremo a vedere. Non c’è molto tempo per vedermi in allenamento, quindi rispetterò ciò che decide, ma personalmente vorrei entrare e presentarmi al pubblico di San Siro. Soprattutto perché è una bella partita”.

Già in campo con Cutrone: “È troppo presto per una risposta. Giovedì abbiamo fatto una partitella, ma non molta tattica. Probabilmente ci saranno più particolari venerdì. Poi ho anche un lavoro individuale per adattarmi alle idee del mister”.



CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy