Acerbi: "Al Milan bevevo e mi sentivo invincibile, ma poi…"

Acerbi: “Al Milan bevevo e mi sentivo invincibile, ma poi…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Francesco Acerbi, durante l’intervista rilasciata al Corriere della Sera, è tornato a parlare dei sei mesi trascorsi al Milan e del tumore di cui fu vittima nel 2013: “Al Milan mi sentivo invincibile, libero di fare casini e di andare in giro per locali a bere tanto alcol. Anche se poi sul campo andavo lo stesso forte, il fisico mi ha aiutato e la fortuna è stata dalla mia parte. Avevo da poco finito la mia esperienza al Milan, nel 2013. Durante una normale visita di controllo, i medici hanno trovato un nodulo a un testicolo, sono stato operato immediatamente. Che non fossi un invincibile, l’avevo capito già al Milan, se non fai una vita da atleta, a quei livelli, si paga il conto“.

E ancora: “Può sembrare strano, ma è stato dopo la malattia che ho capito che avrei voluto davvero fare il calciatore. I dottori mi avevano detto che dopo l’operazione tutto si sarebbe risolto, ma non fu così. Feci quindi la chemio. Ero preoccupato per i miei familiari, non per me stesso. Avevo iniziato a fare una vita normale ed ero sicuro di guarire. Ora prego due volte al giorno, ma non è che sia diventato santo. Combino ancora qualche casino, ma, rispetto a prima, so chi sono. Distinguo il bene dal male, so di chi posso fidarmi e ho allontanato le persone che considero negative”.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy