Gandini: "Eliott deve migliorare nella gestione della squadra. Su Higuain..."

Gandini: “Eliott deve migliorare nella gestione della squadra. Su Higuain…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Umberto Gandini, storico ex dirigente milanista, commenta così a Sportitalia il momento dei rossoneri:

Sulle difficoltà societarie:Il problema di una proprietà come quella americana è che deve capire come si gestisce una squadra di calcio” .

Sul mercato: “Le difficoltà che i rossoneri stanno trovando sul mercato non sono imputabili direttamente a Leonardo. Si è trovato catapultato in una situazione molto difficile nel mezzo di un caos societario e comunque ha cercato di fare il meglio che poteva. Ora ci sono anche i paletti del FFP a complicare il tutto“.

Su Higuain: “Il messaggio di Leonardo è stato molto chiaro, e non è usuale che Leonardo si esponga così in pubblico. Bisogna capire se c’è la volontà o la decisione già presa di non riscattarlo, questa diventerebbe un problema anche per la Juventus. Se queste fossero le decisione qualcosa si muoverebbe già a gennaio. Il giocatore è anche penalizzato dal fatto che il Milan non ha una struttura di gioco adatta ad un bomber“.

Su Morata:Secondo me non arriverà, è difficile che lasci una squadra come il Chelsea per andare al Milan, anche da un punto di vista contrattuale“.

Sulla vecchia società: “Non ho mai visto Yonghong Li, preferisco non giudicare l’operato di Fassone. Ho seguito la parte burocratica della cessione e l’ho vissuta come una cosa vera. Sinceramente non è stato il miglior Milan”.

Berlusconi e Galliani al Monza: “La passione per il calcio e la voglia di stupire li hanno portati lì. Hanno grande amore per il calcio“.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy