Milan imbattuto e più libero senza il "peso" Higuain

Milan imbattuto e più libero senza il “peso” Higuain

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Difficile solo immaginarlo ad inizio stagione un Milan convincente, solido, concreto senza il Pipita Higuain. Eppure i numeri e la sensazione dal campo parlano chiaro: la squadra rossonera priva del suo “fardello”, in senso metaforico o meno, è apparsa più rilassata, liberata dall’angoscia di servire e accontentare la sua punta. Sia chiaro: il rapporto con i compagni è sempre stato ottimo, ma l’atteggiamento in campo del primo non li ha certo aiutati.

PAROLA AL CAMPO – I risultati mostrano un bottino di 15 punti su 21 (sei partite di campionato e una di Europa League) e soprattutto nessuna sconfitta. Dal primo stop, causa problema al flessore, il Milan ha racimolato 4 punti con Empoli e Sassuolo. Poi il colpaccio a Udine (Pipita sostituito al trentesimo minuto) e il pareggio a Siviglia contro il Betis. Si prosegue con la vittoria sfumata all’ultimo respiro contro la Lazio, la vittoria sul Parma e si chiude con l’ultimo successo a Genova. Mai una partita a digiuno (col Pipita in rosa)…, numeri paradossali.

PIPITA LIBERA SUSO –Non si tratta di un caso: 7 gare sono un lasso di tempo molto ampio, dalle quali si possono trarre le opportune valutazioni. Le motivazioni non sono prettamente tattiche. Chi lo ha quasi sempre sostituito, ovvero Cutrone, è più votato al lavoro “sporco”, allo spostamento, ma non ha nelle corde la gestione del pallone, quale figura di raccordo, dell’argentino. Chi sembra rinfrancato dall’assenza di Higuain è parso Suso, con maggiore licenza di cercare la rete, andando a segno quattro volte (su sei gol stagionali). Ma oltre alla ragioni tattiche, che cosa scatta ai rossoneri?

LA FORZA DEL GRUPPO –Può risultare evidente come i giocatori si siano sentiti investiti di maggiori responsabilità. Quella ricerca della spensieratezza che Gattuso spesso cita è arrivata senza Higuain. Avere un giocatore nervoso, che sbraita ad ogni errore è pesante, è come sentirsi sempre giudicati e non permette di far emergere le potenzialità degli individui. Giusto essere esigente, ma senza presunzione. Senza la primadonna, i compagni si sentono tutti uguali. Il grande nome, se non supportato dalla disponibilità di mettersi sullo stesso piano degli altri, blocca il processo di crescita. La parabola del Pipita: da valore aggiunto a problema. E se lo fosse stato veramente?

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy