Supercoppa italiana/ Milan, CR7 spegne i rossoneri. In dieci uomini, il Milan perde 1-0

Supercoppa italiana/ Milan, CR7 spegne i rossoneri. In dieci uomini, il Milan perde 1-0

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Juventus-Milan: per definizione, una finale. Questa sera, a Gedda, le due squadre, si sono contese l’ottavo trofeo della Supercoppa Italiana. Di seguito, la cronaca del match.

PRIMO TEMPO: Il primo pallone di questa finale è proprio per i rossoneri. Il Milan mette in mostra subito la giusta dose di brillantezza e lucidità, con Bakayoko che dirige la compagine al centro del campo, recuperando nell’immediato un pallone fondamentale. Giusto il tempo per un’invasione in campo, ed è subito Juventus. È della squadra di Allegri, al minuto tre, la prima occasione della gara con una conclusione a giro di Douglas Costa al limite dell’area di rigore. Pallone fuori di un soffio. Per i rossoneri, qualche timido fraseggio oltre ad una grande mobilità e temperamento di Cutrone, sin dalle prime battute. Al minuto 11, in seguito all’ennesimo asse con Paquetà, Calhanoglu prova la conclusione in seguito ad un’ottima percussione dei rossoneri. Nei primi 15 minuti, tanta Juventus, Milan a tratti, con i rossoneri corti e attenti. Al minuto 16, stessa storia del minuto 3. Questa volta si presenta Cancelo, sempre da destra, con un tiro rasoterra a cercare il secondo palo. Sfera fuori di pochissimo. Juventus pericolosa e ben organizzata, Milan meno concreto. Questa la trama dei primi venti minuti di gara. Brivido al minuto 23, con Szczęsny a vuoto in occasione del calcio d’angolo battuto da Calhanogliu. Bakayoko, a porta vuota, sfiora la sfera ma non ci arriva. Tra diversi applausi per il rossonero Paquetà, la Juventus risponde a suon di fraseggi e timide conclusioni. Contropiede fulmineo della compagine bianconera, che al minuto 33 recupera un pallone in area di rigore dei rossoneri. Cross di Cristiano Ronaldo, Kessie spazza, Chiellini spara alle stelle. Al minuto 34, fuorigioco molto dubbio di Cutrone, pescato dal compagno Paquetà, particolarmente ispirato e fantasioso. Al minuto 35, il parziale dice 0-0. Partita in equilibrio, con la Juventus che dà l’impressione di non aver ancora inserito il turbo. I bianconeri terminano la prima frazione di gioco proprio con quel turbo che mancava. Al minuto 42 ci prova Cristiano Ronaldo con un’acrobazia, cogliendo l’ottimo cross del compagno Alex Sandro. 0-0 il risultato della prima frazione di gioco.

SECONDO TEMPO: La seconda parte di gara si apre con una punizione di Cristiano Ronaldo, spazzata da Ricardo Rodriguez. Al minuto 47, super occasione del Milan con Cutrone che colpisce la traversa. Rossoneri sfortunati, con il numero 63 ad un passo dal gol. Buon avvio dei rossoneri, pericolosi anche con Kessie che non trova il corridoio per Paquetà, ben piazzato in area di rigore. È un Milan a luci e ombre anche quello del secondo tempo. Al minuto 59, altro squillo di Calhanoglu, in una gara – sin qui – equilibrata e ordinata. Al minuto 60, Cristiano Ronaldo colpisce il Milan. Niente da fare per Donnarumma, poca pressione su Pjanic da parte dei rossoneri. Ronaldo sbuca tra Romagnoli e Rodriguez e di testa insacca con facilità. La sblocca CR7, alla sua prima occasione da rete. I minuti successivi vedono un Milan fragile, colpito in un momento positivo e propositivo. Al minuto 67 segna per la Juventus anche Dybala, questa volta pescato in posizione di fuorigioco. Il modulo dei rossoneri diventa un 4-2-4 al minuto 70, con Gattuso che sceglie Borini e Higuain per provare a riagganciare lo svantaggio subito. Al minuto 74, Kessie lascia il terreno di gioco, espulso. Brutto fallo su Emre Can che gli costa l’espulsione e la gara di Serie A contro il Genoa. Milan sotto di una rete e in debito di un uomo. Al minuto 78, mister Gattuso si gioca la carta Conti, sacrificando Cutrone. Un Milan in emergenza, quindi poco propositivo e ottimista. Al minuto 85, Higuain prova a dirigere un’azione offensiva al limite dell’area di rigore: Milan prevedibile, la Juventus risolve. Gattuso si sbraccia, il Milan risponde poco. Dopo la rete e l’espulsione, la luce fioca dei rossoneri si spegne definitivamente. Al minuto 95, è 1-0 per la Juventus, a segno Cristiano Ronaldo, i bianconeri conquistano l’ottava Supercoppa italiana.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy