Abbattere e rimpiazzare San Siro è cosa buona e giusta

Abbattere e rimpiazzare San Siro è cosa buona e giusta


Chiedi a 100 tizi diversi se distruggerebbero San Siro. Ti diranno tutti la stessa cosa. Fosse il popolo a decidere delle cose del calcio il tema non esisterebbe nemmeno. Ma il calcio non è democratico, semmai oligarchico. Segno che democrazia non è sempre uguale a giusto. E allora a comandare, nel calcio, ci sta quell’uno su cento che se gli chiedi “ma tu lo abbatteresti” ti risponde di sì. 

Che la distruzione di San Siro non sia gradita a nessuno è palese. Del resto la distruzione è per sua natura poco gradita, o quantomeno difficile da accettare, perché da definizione stabilisce uno scarto dal passato. Se poi ad essere distrutto è San Siro, da poco gradita diventa inaccettabile: nel senso letterale di impossibile da accettare. Ma tant’è: bisognerà farsene una ragione. Checcé se ne voglia. 

San Siro non sarà il primo tempio violato. Highbury, Maracanà, Wembley, White Hart Lane, Vicente Calderón, per esempio. Non tutti rapati a zero (qualcuno sì), ma insomma un cambio look stucchevole. Guardando a questi cinque, il paragone con San Siro genera due considerazioni banali. A) Nessuno ha la storia di San Siro. B) Quasi tutti hanno lasciato il posto a impianti decisamente più capienti. 

Ecco, per non perdere il treno pare si debba soprassedere a quei due temi lì: la storia di San Siro e la capienza del nuovo impianto. Operazione non impossibile. Per vincere servono tanti soldi. Il circolo virtuoso della Juve sta tutto lì: ogni anno vince, ogni anno guadagna, ogni anno diventa più forte. Non che tutto il guadagno derivi dallo stadio, ma qualcosa c’entra. Oggi nella ricchezza dei club i ricavi del proprio impianto possono incidere tantissimo. Prendiamo Arsenal e Milan della scorsa stagione. Entrambe in Europa League, entrambe seste a fine campionato, entrambe forti di un ricco mercato estivo. Benissimo. Ricavi da stadio Arsenal: 111,6 milioni di euro. Ricavi da stadio Milan: 36,9 milioni di euro. Benissimo. Capienza indicativa Emirates Stadium: 60 mila. Capienza indicativa San Siro: 80 mila. Benissimo, qualcosa non funziona. Anzi, qualcosa da altre parti funziona meglio. 

Ora, aldilà dell’impossibilità evidente di eguagliare in tempi brevi (ma neppure lunghi) gli standard inglesi, il nuovo stadio andrebbe quantomeno a dimezzare quel gap. Parlandosi chiaro, economicamente sarebbe la classica manna dal cielo. Più di quanto non lo sia l’Allianz per la Juve, per un fattore molto semplice: il nuovo San Siro insisterebbe più o meno sulle stesse logiche, ma avrebbe 20mila posti in più. Tipo che Allianz Stadium + Benito Stirpe = nuovo stadio Inter-Milan. A parità di modernità, in effetti, i numeri provano come la capienza faccia ancora la sua parte.

Sul fatto che il nuovo stadio convenga a tutti, alla fine, non ci sono troppi dubbi. È quasi oggettivo. Ciò che più turba chi San Siro lo abita una volta a settimana è il tema distruzione. Ma insomma San Siro non è un oggetto di antiquariato. Mantenere uno stadio che non può più fare lo stadio è di per sé una contraddizione. Bah. Dicono di tenerlo per la Nazionale, quando sappiamo tutti che non è San Siro senza Inter o Milan. O di farne un museo, quando sappiamo tutti che non è San Siro senza una partita di pallone. Spendere e sbattersi per la pena di uno stadio ridotto a mausoleo? Ma anche no. 

di Lorenzo Del Papa




Chi Siamo

Spazio Milan è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sull'AC Milan, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Direttore editoriale "SpazioMilan.it": Christian Pradelli

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da AC Milan

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl