Boban: "Mi piacciono le sfide, il Milan non può essere una squadra media"

Boban: “Mi piacciono le sfide, il Milan non può essere una squadra media”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Zvonimir Boban, intervenuto ai microfoni di Sky Sport ha parlato del Milan del presente e del futuro.

Sul ritorno al Milan: “Il cuore batte forte, è stato molto emozionante, ho 50 anni e certe emozioni le vivi con maturità”.

Sulla telefonata di Maldini: “Ero a casa a Zurigo, ci sentiamo spesso, lui mi aveva già parlato il giorno prima. Mi ha chiamato e gli ho detto che sarei andato, sono andato e abbiamo parlato tutta la notte”.

Sulla sfida del Milan: “Mi piacciono le sfide, non la comfort zone”

Su Elliott: “È una società molto più ambiziosa di quello che si crede, è gente che si è affezionata a questa società, se non ci fossero ambizioni non sarei qua”.

Sul ritorno alla competitività:Vorremmo velocizzare il processo per essere competitivi e forti già quest’anno”.

Sugli acquisti: “Non possiamo investire su giocatori come Neymar, ma vogliamo creare plusvalenze ed investire“.

Su Giampaolo e il suo modo di allenare: “Vedi una macchia giocare tutta insieme”.

Sulle ambizioni: “Il Milan non può essere una squadra media che può essere felice di arrivare quinta o sesta, dobbiamo fare di più“.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy