Milan formato Empoli, ma il Liverpool insegna...

Milan formato Empoli, ma il Liverpool insegna…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

E così stante le oggettive difficoltà ad arrivare a Cabellos e Torreira, e la pista complicata ma ancora aperta per Veretout, il Milan ha bussato ancora a casa Empoli, portando a casa il secondo acquisto. Un investimento maggiore rispetto al primo, ma Bennacer tra poco sarà ufficialmente il terzo acquisto della gestione Maldini, dopo gli arrivi di Krunic e Hernandez. Nomi non di grido – come preventivabile – ma funzionali alla squadra che sarà orchestrata da Marco Giampaolo.

OCCHIO AL LIVERPOOL- Appunto, stiamo parlando di giocatori lontani dalle aspettative dei tifosi, che con l’arrivo di Maldini e Boban si aspettavano ben altri colpi, nonostante i vincoli imposti dal bilancio. Ma è lecito ricordare che i campioni non sono garanzia di successo, lo testimonia lo stesso Milan che si aspettava ben altro effetto dall’arrivo di Bonucci e Higuain, lo testimonia la nuova elitè europea. Guardare in casa Liverpool per credere. Altra nobile decaduta nel recente passato, ma al contrario del Diavolo non ha mai avuto restrizioni di spesa. La formazione di Jurgen Klopp è stata costruita con tasselli dai club che orbitano nei bassifondi della classifica di Premier o squadre europee. Gran parte di questi proprio dal Southampton: dai Saints, i Reds hanno prelevato negli ultimi anni Lovren (in orbita Milan), Clyne, Lallana, ma soprattutto Manè e Van Dijk.

GIAMPAOLO COME KLOPP?- Vero, nomi e investimenti (inflazionati dal contesto Premier) di altra caratura e lignaggio rispetto a quelli in arrivo a Milanello, ma in pochi avrebbero scommesso sui Reds in cima all’Europa, con i propri uomini in lotta per il Pallone d’Oro. E la lista è ancora lunga: il centrocampo del Liverpool non spicca per individualità. Wijnaldum è arrivato dal Newcastle, Henderson dal Sunderland e Milner svincolato, dopo essere stato scaricato dal City. Firmino dall’Hoffenheim e Matip svincolato dallo Schalke. Oltre ai ritocchi via Roma di Allison e Salah. Non male per chi nel 2014 schierava come tridente d’attacco Borini-Balotelli-Lambert. Poi il “manico” di Klopp ha fatto il resto. E qui sta il compito di Giampaolo: valorizzare e far rendere al massimo il materiale a disposizione, in modo tale da far attribuire al complesso squadra un valore superiore alla “somma algebrica” dei valori dei singoli giocatori.

RIDIMENSIONAMENTO?- Quindi, pericolo ridimensionamento? Sui social non sono mancate battute ironiche sui neo acquisti, alla luce della retrocessione della squadra di provenienza, frutto però di un risultato sicuramente immeritato. Ma non è un caso che l’Empoli abbia disperso il suo patrimonio in Serie A in questa sessione di mercato, con le cessioni di Traorè alla Juve, Di Lorenzo al Napoli e Caputo al Sassuolo. E poi i due nuovi rossoneri. Con Bennacer, che comunque resta un acquisto di maggiore prospettiva rispetto a Krunic, considerata l’età anagrafica. L’algerino rispetto al bosniaco avrà più chance di partire titolare, andando a coprire quel vuoto in mezzo al campo che l’arrivo di Biglia non è riuscito a colmare. Polivalenza, duttilità e qualità sono le richieste di Giampaolo. Krunic può giocare nel ruolo di mezzala o trequartista, mentre Bennacer può essere impiegato come regista e mezzala. Al momento, la società predilige muoversi sotto traccia per acquisti di seconda fascia, ma il mercato è ancora lungo. Comunque, per giudicare aspettiamo il campo. Sia mai che…

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy