José Mauri saluta l’Italia. Ecco la sua nuova squadra

José Mauri saluta l’Italia. Ecco la sua nuova squadra

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

José Mauri saluta Milano e saluta l’Italia. Infatti, stando a quanto annunciato dallo stesso giocatore sui social, l’ex rossonero è ufficialmente passato al Talleres di Cordoba. Nuova avventura oltreoceano (nella sua terra natale, ndr), dunque, per il centrocampista sudamericano con cittadinanza italiana.

Il 6 luglio 2015, svincolatosi dopo il fallimento del Parma, firma un contratto quadriennale con il Milan. Sceglie la maglia numero 4, precedentemente indossata da Sulley Muntari. Esordisce con la società rossonera il 1º dicembre seguente, in occasione della partita di Coppa Italia vinta per 3-1 a San Siro contro il Crotone. Il debutto in campionato arriva il 13 marzo 2016, nella trasferta di Verona contro il Chievo conclusasi sul punteggio di 0-0.

Ritornato al Milan, nella stagione 2017-2018 in Serie A esordisce alla prima giornata contro il Crotone, sua unica presenza in campionato. Successivamente gioca da titolare la gara di Europa League contro lo Škendija, esordendo nella competizione, e poi nella stessa competizione le gare contro HNK Rijeka e Ludogorets. Conclude la stagione con 4 presenze complessive.a stagione successiva ritrova il campo il 20 settembre 2018 giocando da titolare in Europa League contro i lussemburghesi dell’F91 Dudelange. Esordisce in campionato invece alla quattordicesima giornata contro il Parma (2-1 per i rossoneri), partendo dal primo minuto e venendo, a gara in corso, sostituito da Borini. Al termine della stagione, dopo aver collezionato solo 7 presenze fra campionato ed Europa League.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy