Leao unica stella rossonera, fischi per Suso e Piatek

La crisi rossonera passa soprattutto dall’attacco. Il Milan ha siglato solamente quattro reti in sei giornate disponibili, una media da retrocessione. Durante il match contro la Fiorentina, per la prima volta Krzysztof Piatek, come riferisce la Gazzetta dello Sport, ha incassato i primi fischi da quando milita in rossonero. Il Pistolero sarebbe stato un fantasma per tutto il match, non riuscendo mai a pungere in profondità, ne a giocare con la squadra, meriti anche di un ottimo Pezzella. Disastro totale anche per Suso: lo spagnolo sarebbe la punta di diamante del tecnico abruzzese, ma ieri (una conclusione a parte), avrebbe sfornato una delle peggiori performance degli ultimi anni, deludendo su tutti i fronti proprio Marco Giampaolo.

UNICA LUCE

L’unica stella che si accende a San Siro sarebbe Rafael Leao. Il portoghese giunge da ottime prestazioni negli ultimi tre match disputati e anche ieri sera, grazie al suo goal su azione strettamente personale, “rasserena” il popolo rossonero in una notte da incubo. Classe e fisicità, utili per ritrovare la luce in fondo al tunnel

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI

Preferenze privacy