Maldini: "Da dirigente è un altro derby. I tifosi sono sempre stati importanti per le nostre vittorie"

Maldini: “Da dirigente è un altro derby. I tifosi sono sempre stati importanti per le nostre vittorie”


In esclusiva sulla app ufficiale AC Milan, il Direttore Sviluppo Strategico dell’Area Tecnica Paolo Maldini, ha parlato dei suoi Derby vissuti da calciatore e della differenza tra vivere la vigilia da calciatore e da dirigente.

Ci racconti l’emozione e l’importanza di giocare un Derby?
È sempre una grande emozione, ma devo dire che l’importanza di questo Derby non è superiore all’importanza che ha vincere qualcosa in questa stagione. In altre città il Derby è ancora più importante perché le due squadre non sono mai arrivate ad obiettivi ancora più alti rispetto alla partita singola”

Quali sono i Derby che ti sono rimasti nel cuore?
“Ne ho giocati tanti, credo più di 50, non mi ricordo esattamente il numero. Sono stati tutti un po’ diversi: i primi giocati forse non al 100% anche perché la tensione a 16-17-18 anni è più difficile da gestire rispetto a quelli giocati a 35-36. In tutti questi Derby ci sono state emozioni varie, forse quelli più emozionanti in assoluto sono stati quelli di Champions League: andare a vincere, in una semifinale, giocata in sei giorni tra andata e ritorno, qualificarsi per la finale e vincere la Champions League. Alla fine, è il risultato finale che conta, quindi probabilmente sono stati quelli più intensi”.

Il tuo rapporto con i tifosi del Milan?
“Si sente sempre il calore di una tifoseria, anche se esigente, come quella del Milan. Ho vissuto buona parte dei miei anni lottando per vincere qualcosa e di conseguenza il tifo è sempre stato una parte importante nelle nostre vittorie. Mi ricordo che nei primi anni ‘90 c’erano addirittura 70/71mila abbonati. Eravamo abituati ad avere lo stadio veramente sempre pieno”.

Avevi gesti e scaramanzie pre-derby?
“Vedevo gli altri che li facevano e quindi pensavo ‘magari porta bene’, poi ho visto che ho vinto, perso e pareggiato facendo le stesse cose. Allora ho pensato fosse meglio concentrarsi solo sulla partita e così ho fatto per il resto della mia carriera. Erano più cose legate a un calcio degli anni ‘80”.

Quanto è diverso vivere la Stracittadina da calciatore e da dirigente?
“La differenza è enorme, non c’è praticamente la partita. Tu non giochi la partita, da calciatore ti prepari 10-15 giorni per giocarla, adesso ti prepari 10-15 giorni per vederla. A livello di stress è molto più impattante la partita vista che la partita giocata, perché la partita giocata ti fa anche sfogare istinti, paure e preoccupazioni, quella vista sinceramente no”.

Chi Siamo

Spazio Milan è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sull'AC Milan, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Coordinatore editoriale "SpazioMilan.it": Luca Forte

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da AC Milan

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy