Milan sprecone, Belotti non perdona e ribalta la sfida, la crisi rossonera continua

Milan sprecone, Belotti non perdona e ribalta la sfida, la crisi rossonera continua

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Continua la crisi rossonera anche in quel di Torino. Come riferisce la Gazzetta dello Sport, il Milan chiude il primo tempo in vantaggio, grazie ad un calcio di rigore trasformato da Krzysztof Piatek (secondo centro stagionale) e con un’ottima prestazione, in particolar modo di Ismael Bennacer, Leao e Calhanoglu. Nella ripresa, i ritmi del Diavolo calano e il Torino prende campo. Entra Ansaldi al posto dell’acerbo Lyanco e nel giro di quattro minuti i rossoneri soccombono, con la doppietta di Andrea Belotti, mattatore degli ultimi anni di questo Milan. La squadra di Giampaolo reagisce ma prima Kessie poi Piatek da due passi non riescono a metterla dentro. È crisi nera, contro la Fiorentina per Giampaolo rischierebbe di essere l’ultimatum.

GIAMPAOLO AL BIVIO

La posizione di Marco Giampaolo, come riporta il Corriere della Sera, parrebbe sempre più scomoda. Ieri, il tecnico rossonero ha accontentato chi premeva per vedere in campo i nuovi acquisti: da Leao a Bennacer, sino a giungere a Bennacer. Tutti e tre i giocatori hanno mostrato ottime qualità e sono risultato ad ogni modo i migliori in campo nel Milan, ma contro la Fiorentina non sarebbe più importante la prestazione ma il risultato. Il tecnico ex Sampdoria rischierebbe di saltare in caso di ulteriore debacle.

GLI ANELLI CONTRO LA CATTEDRALE

Ieri, sono stati presentati i progetti per la realizzazione del nuovo stadio. Secondo quanto riporta l’edizione odierna del Corriere della Sera, da una parte quello di Populous denominato “La Cattedrale”, dall’altro quello di Manica/Sportium, chiamato “Gli anelli di Milano”.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy