Minutaggio a confronto: Milan, è il momento dei nuovi?

Minutaggio a confronto: Milan, è il momento dei nuovi?

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Si può parlare di campagna acquisti deludente quando questi nuovi, appunto, non vengono neanche presi in considerazione? È questo il grande dilemma dei tifosi rossoneri a due giorni dalla quinta di di Serie A. Dopo quattro giornate dall’inizio del campionato, con un derby appena perso malamente e tanta frustrazione per il mancato gioco espresso dagli uomini di Giampaolo, si cerca di capire e carpire quali sono i problemi di questo Milan, ma soprattutto cosa potrebbe portare ad una definitiva svolta per quanto riguarda l’ennesima stagione partita con tanti, e forse troppi punti interrogativi.


MINUTAGGIO A CONFRONTO – Per fare un piccolo esempio, vogliamo prendere come termine di paragone con la rosa del diavolo, proprio l’ultimo avversario affrontato, che non a caso è l’Inter. Da segnalare, ovviamente, è il GAP tra le due squadre non solo sul piano del gioco, della preparazione, della voglia e dei risultati, ma anche questa differenza abissale sul minutaggio concesso a favore dei nuovi acquisti: 1031 Inter contro i 270 del Milan.
Si parte da un presupposto: il mercato fatto dai nerazzurri è a vista d’occhio di maggiore importanza e qualità rispetto a quello del Milan, complice soprattutto l’ambizione al titolo e l’ingresso in Champions che porta inevitabilmente più visibilità. Gli esempi più lampanti sono giocatori già pronti come Godin, Sanchez, Barella e Sensi. E fin qui il discorso fila, ma la cosa importante da segnalare è un’altra, l’Inter questi nuovi acquisti li ha inseriti in rosa facendoli giocare, il Milan no.


È ARRIVATO IL MOMENTO? – Come dicevamo nel paragrafo precedente, questa differenza di qualità ed efficacia è vistosamente presente, ma sostanzialmente, come facciamo a giudicare i nuovi acquisti e paragonarli a quelli fatti dai cugini nerazzurri, se i nostri non vengono schierati affatto? Ovvio, dietro a tutto questo discorso c’è chi i giocatori li guarda, li vede e li valuta giorno e notte come l’allenatore Giampaolo assieme ai suoi collaboratori, però forse provare qualcosa di innovativo potrebbe far trovare l’esito giusto.
Il risultato che possiamo illustrare arrivati alla quarta giornata è davvero breve a conciso: al Milan manca qualcosa, qualcosa che va oltre il modulo da schierare o la mole di gioco, e quel qualcosa può essere portato solo dai cambi. Giocatori freschi, pronti a cambiare passo, pronti a dare quella marcia in più (Bennacer, Theo Hernandez e Rebic per fare qualche nome).

Perchè riflettendoci, al momento Giampaolo sta affidandosi agli uomini dello scorso anno, a cui mancano giocatori che sono stati fondamentali come Bakayoko a centrocampo e Cutrone in attacco.
Il Milan ha bisogno di una scossa, e forse, anzi probabilmente questa potrà arrivare con l’ingresso immediato di chi non ha ancora avuto una reale possibilità di giocare le sue carte. Il tempo di “attendere” che i nuovi acquisti siano pronti è finito già da un pezzo, e ora non resta che aumentare quel numero fermo a 270 e alimentare fin da subito le chance per il quarto posto.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy