Quattro soluzioni per l'attacco del Milan

Quattro soluzioni per l’attacco del Milan

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

ANALISI PRELIMINARE

Gli ultimi giorni di mercato non hanno cambiato i numeri del Milan. Né in termini economici, essendo quello fra Silva e Rebic uno scambio praticamente alla pari. Né in termini di reparto offensivo: esce uno, entra un altro.

Detto ciò è chiaro che il croato sia dotato di un eclettismo superiore al portoghese e che quindi aumentino le possibilità in attacco di Giampaolo. Gli elementi offensivi a disposizione dell’allenatore del Milan sono, di fatto, sei. Una prima punta, Piatek. Due seconde punte (all’occorrenza esterni), Leao e Castillejo. Un solo trequartista puro (anch’esso all’occorrenza esterno), Suso. E due tuttofare, Borini e Rebic. Non consideriamo Calhanoglu e Paquetà perché stiamo alle parole di Giampaolo, che ha fatto capire che entrambi possono fare i trequartisti, ma che lui li preferisce in mediana. Quindi lì giocheranno.

È altrettanto chiaro che uno dei sei, difficilmente troverà spazio da titolare in una di quelle posizioni: si tratta di Borini. Ragazzo su cui Giampaolo punta, ma che più spesso ha giocato a centrocampo e che solitamente incide più entrando dalla panchina. Dunque ne restano cinque per tre posti. Qui sotto proviamo ad analizzare quattro soluzioni. Diverse in primis per tre aspetti: modulo, uomini e tempo.

I TITOLARI OGGI

Lo ha detto lo stesso Giampaolo: scordiamoci di veder giocare subito un giocatore appena arrivato in una sua squadra. E allora si fa presto ad escludere Rebic dai titolari almeno per settembre. In attacco, per ancora un po’, il Milan punterà sul solito ibrido 4-3-1-2/4-3-2-1. L’unica certezza è Piatek più avanti di tutti. Con lui sicuramente Suso e probabilmente Castillejo, con Leao che però scalpita. È facile che con questi uomini si prosegui sulla falsariga del modulo ibrido visto col Brescia.

I TITOLARI DI DOMANI

Quando Rebic sarà entrato a pieno nell’idea di calcio di Giampaolo è abbastanza probabile che il posto di Castillejo diventerà il suo. Detto comunque che uno degli aspetti più affascinanti del Milan di Giampaolo è il continuo rimescolare le carte. Con Rebic il modulo tenderà ad essere lo stesso: un ibrido fra 4-3-1-2 e 4-3-2-1, perché il croato è esattamente il tipo di giocatore adatto al ruolo di seconda punta mobile. Con un mancino e un destro, poi, è evidente che l’altra opzione sia un 4-3-3 puro a piedi invertiti. Forza fisica e strappi a sinistra, dal croato, qualità e penetrazioni a destra, dallo spagnolo.

TRIDENTE DI QUANTITÀ

C’è un’altra soluzione a disposizione di Giampaolo che prevede il 4-3-3. Un 4-3-3 diverso per caratteristiche: più centimetri, più corsa e meno qualità. Dentro Leao e fuori Suso. Il portoghese si andrebbe a sistemare a sinistra, con Rebic a destra, ma sarebbero assolutamente interscambiabili. Là davanti rimane il punto di riferimento Piatek. Durante la partita una disposizione del genere permette anche il passaggio al 4-3-1-2 con Rebic dietro agli altri due. Il punto è che per giocare con trequartista e due punte serve tanta qualità e di quelli davanti l’unico a disporne in grosse quantità è Suso: che qui non c’è.

SENZA PUNTI DI RIFERIMENTO

Giampaolo ha già dimostrato di non voler prescindere da Piatek. Il suo Milan non deve essere Piatek-dipendente. Se il polacco non si adatta, la squadra può anche farne a meno. E allora l’ultima soluzione va proprio in questo senso. Il solito tridente ibrido (che in questo caso comprende anche il 4-3-3 puro, oltre ai soliti 4-3-2-1 e 4-3-1-2), senza nessun punto di riferimento. I tre davanti sarebbero Suso, Rebic e Leao e possono essere schierati davvero in tutti i modi possibili. Suso a destra, dietro le punte o accanto a un altro trequartista. Leao esterno, seconda o prima punta. Rebic ovunque. Insomma gli avversari potrebbero davvero non capirci niente.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy