Sei qui: Home » Copertina » Milan, un tour de force per la risalita: c’è bisogno del sostegno di tutti

Milan, un tour de force per la risalita: c’è bisogno del sostegno di tutti

Un mese di fuoco, si possono riassumere così i prossimi impegni del Milan in campionato. Roma, Spal, Lazio, Juventus e Napoli. A parte la squadra di Semplici, saranno tutte sfide di alta classifica, anzi, tutte avversarie di alta classifica. Il Milan infatti ha bisogno di risalire, i 10 punti in otto giornate sono pochi, molto pochi considerando gli obiettivi prefissati ad inizio stagione. Il quarto posto è lontano 6 punti che potrebbero diventare ancora di più dopo le prossime cinque giornate.

TOUR DE FORCE

Il rischio per Pioli ed i suoi ragazzi è quello di incappare in risultati non positivi contro squadre nettamente superiori e meglio attrezzate rispetto ai rossoneri. Si comincerà già domenica all’Olimpico contro la Roma di Fonseca, falcidiata dagli infortuni, sì, ma che rimane comunque un’avversaria di grande valore e molto difficile da affrontare. Il turno infrasettimanale porterà una gara sulla carta agevole contro la Spal ma, vedi Lecce, il pericolo è sempre dietro l’angolo. Dopo la Spal, a San Siro arriverà la Lazio, un altro scontro diretto dal sapore europeo che il Milan dovrà cercare di affrontare nel miglior modo possibile per evitare brutte sorprese. Il mese di novembre, con la sosta nel mezzo, offrirà poi a Pioli la Juventus prima e il Napoli dopo.

LEGGI ANCHE:  De Ketelaere-Milan, trattativa in stand-by: pronta la soluzione alternativa

Un calendario sicuramente proibitivo, che segnerà e non poco la stagione rossonera. Si dovrà soltanto capire se in modo positivo o in modo negativo. Il campionato, già a dicembre infatti potrà essere rischiosamente compromesso in caso di risultati negativi. Al contrario invece, quello che sperano i rossoneri, ci potrà essere una scossa in positivo con un Milan che ha l’occasione di rilanciarsi e dimenticare definitivamente un periodo negativo. Prime giornate infatti nefaste con Giampaolo dove forse, col senno del poi e guardando il calendario, andavano fatti più punti per non rischiare di esser fuori da tutto già a metà campionato.